Chakra blu

Il chakra blu è il quinto dei sette chakra, si posiziona in corrispondenza della gola ed influisce sulla sfera della creatività. Da un punto di vista strettamente fisiologico il chakra blu controlla gola, voce, spalle e braccia ed è associato al senso dell'udito: così come è importante ascoltare se stessi e la propria interiorità, bisogna porsi in ascolto anche verso gli altri e comunicare con loro attraverso la parola e l'autoespressione le nostre più profonde emozioni.
Se il chakra blu è sbloccato riusciamo a rapportarci agli altri con estrema chiarezza e semplicità, impostando relazioni intime e sincere, che diventano fonte di creatività e di ispirazione positiva. Anche il metabolismo funziona bene, siamo sempre pieni di energia e forti sia fisicamente che mentalmente, spronati a migliorare e a ricercare una vita sempre più soddisfacente e ricca.
Nel corso dell'evoluzione personale questo chakra corrisponde all'età adulta, quando il nostro sé è già ben definito e responsabile, in grado di costruire e sostenere relazioni di lunga durata: possiamo calarci nel profondo di noi stessi e riconoscere le nostre emozioni; ciò ci rende in grado anche di entrare in contatto con gli altri in modo più consapevole e maturo.

Cosa succede quando il chakra blu è bloccato?

Quando il quinto chakra è bloccato a livello fisico si possono accusare problemi alla gola, alla voce, alla tiroide e all'udito, tosse, influenza, balbuzie e difficoltà nel metabolismo. Da un punto di vista emotivo, un chakra blu opaco può associarsi a sensazioni di noia e di mancanza di fantasia e ispirazione; potremmo avere problemi a parlare, ad esprimere le nostre emozioni e sentirci spiritualmente scollegati da noi stessi.

Faringite, raucedine, dolori cervicali, dolori articolari, tunnel carpale, formicolii e pesantezza al collo e braccia, questi alcuni dei disturbi e malattie associati a disequilibri a carico del chakra blu.

Come sbloccare il charka blu?

La cromoterapia mette a disposizione alcuni consigli, molto semplici da applicare, su come stimolare e aprire il quinto chakra: poiché è legato al senso dell'udito può essere d'aiuto l'ascolto di musica classica. Anche puntare sugli olii essenziali sarà certamente utile: le essenze di zenzero, canfora ed eucalipto sono le migliori; inseritene tre o quattro gocce in un diffusore di profumo per ambiente o preparate un piacevole bagno rilassante a base di olii essenziali e latte.
Anche le pietre preziose, soprattutto l’acquamarina e la pietra turchese, hanno un effetto stimolante sul buon funzionamento del chakra blu, che potrà esprimersi attraverso gioielli o ponendo le pietre direttamente sul corpo in corrispondenza del punto dove si colloca il chakra. Possiamo inoltre ruotare lentamente la testa a destra e sinistra o in alto e in basso. La meditazione, da praticare stando supini con occhi chiusi e palmo delle mani sulla clavicola, ci permetterà di respirare in modo più libero e profondo e di sentirci almeno per qualche minuto in totale pace con noi stessi.

Possiamo affermare che nel lungo e medio periodo accostarci al colore, per esempio praticando esercizi di cromoterapia oppure indossando un capo di abbigliamento sempre dello stesso colore, consente di corregge gli squilibri emozionali legati al chakra blu, riequilibrando importanti funzioni energetiche legate alla gola.

L’osservazione dei dati riferiti da quanti hanno deciso di praticare la cromoterapia a supporto della terapia medica chirurgica, affetti da gravi patologie, quali adenoma tiroideo ed altre patologie a carico della tiroide, hanno evidenziato un progressivo aumento dello stato vitale nel paziente e a quanti sottoposti a terapie farmacologiche e chemio – radioterapia una inaspettata reazione del sistema immunitario oltre che rafforzare la risposta alla terapia medica.